Udienza fissata per il 4 ottobre 2022 dinanzi al Tribunale di Roma: per gli azionisti e gli obbligazionisti di Veneto Banca è l’ultima possibilità di costituirsi parte civile per ottenere il risarcimento.

Per favorire la massima partecipazione, l’Associazione Nazionale Consumatori – Difesa Risparmiatori propone agli azionisti e agli obbligazionisti di Veneto Banca anche una modalità di partecipazione a costo zero nel caso in cui non venisse ottenuto un risarcimento all’esito dell’iniziativa.

La proposta è rivolta a tutti gli obbligazionisti e agli azionisti, anche a coloro che, a suo tempo, abbiano accettato la proposta transattiva di Veneto Banca.

Nel processo è chiamata a rispondere del risarcimento dei danni subiti da risparmiatori e investitori anche la società di revisione PricewaterhouseCoopers (PWC), la quale doveva verificare la veridicità dei bilanci di Veneto Banca. Essendo la PWC una società che vanta ampia dotazione patrimoniale, per tutti gli azionisti e gli obbligazionisti di Veneto Banca vi sono ottime prospettive di ottenere il risarcimento.

Potrà quindi essere ottenuto il risarcimento ulteriore rispetto all’indennizzo parziale già liquidato dal FIR.

Tutti gli interessati possono contattarci gratuitamente e senza impegno compilando il modulo in basso o contattandoci ai seguenti recapiti telefonici (N. 6 linee dedicate): 371 4378142 / 371 4564583 / 371 4418669 / 371 4781709/ 371 4656317 / 371 4337675

I dati personali verranno trattati nel rispetto dell’Informativa sulla Privacy.